Cielo invernale – disegno su t-shirt

Oggi è il solstizio di inverno… prometteva pioggia, e invece risplende un sole chiaro e quasi tiepido. Amo l’inverno.

Ieri pomeriggio mi sono rilassata creando una t-shirt con le costellazioni invernali.

img_20161221_132948
Winter night – maglia nera di cotone e colore per tessuti bianco (Pebeo Setacolor, opaco).
IMG_20161221_133324.jpg
Le Pleadi… Winter night – maglia nera di cotone e colore per tessuti bianco (Pebeo Setacolor, opaco).

Cane Maggiore, Cane Minore, Orione, Lepre,  Unicorno, Toro, Auriga, Gemelli, Eridano.

L’idea di disegnare una maglietta con le costellazioni, e in particolare con le stelle invernali (Sirio, le Pleadi…) è nata a causa del libro che ho in lettura in questo momento.

È un libro bellissimo. Si tratta di They Dance in the Sky Native American Star Myths di J.G. Monroe e R.A. Williamson, ed è una raccolta di storie e miti del cielo notturno (lo “starlore”) delle diverse tribù degli Indiani d’America.

Lo sto leggendo in queste sere… e sicuramente ne parlerò.

Dall’album degli schizzi – La ragazza Alda Merini in manicomio #2

IMG_20161217_142743.jpg
Sketch. December 17, 2016. “La ragazza Alda Merini in manicomio #2 – Girl Alda Merini in nuthouse #2”. Faber Castle Graphite Pure 2900 9B, Strathmore Toned Gray. Model: me.

Continua da Dall’album degli schizzi – La ragazza Alda Merini in manicomio

Dall’album degli schizzi – La ragazza Alda Merini in manicomio

IMG_20161216_213633.jpg
Sketch. December 16, 2016. “La ragazza Alda Merini in manicomio – Girl Alda Merini in nuthouse”. Faber Castle Graphite Pure 2900 9B, Strathmore Toned Gray. Model: me.

Uno degli schizzi per un progetto a cui ho iniziato a pensare qualche giorno fa: un tributo ad Alda Merini, che penso di intitolare “Pelo di Volpe” e che affiancherà vari disegni alle sue poesie e ai suoi scritti.

L’attrazione di Escher

The things I want to express are so beautiful and pure – M.C. Escher

Questo blog si sviluppa da solo… Mi sono accorta che in modo spontaneo si sono come creati tre punti focali, tre punti di minimo dove il pensiero converge: la scienza, che esprimo attraverso la fisica e in particolare l’astronomia; la letteratura, che trova il suo fuoco nella figura di Borges; e infine l’arte (il disegno) al cui centro c’è la figura altrettanto geniale di Escher. Mi sto raffigurando questi tre argomenti – Borges, Escher, la scienza – come posti ad alcuni vertici di un poliedro più ampio. C’è tutto un gioco di specchi in cui la stessa struttura si esprime in modo sempre diverso, con il potere dell’arte specifica che in quel momento la elabora – che sia il linguaggio sviluppato dai matematici e dai fisici teorici o l’incisione precisa di un litografo: è l’architettura matematica e insieme misteriosa della realtà fisica (le leggi di conservazione, le simmetrie, le leggi dell’ottica, le dimensioni dello spazio…) e del pensiero dell’uomo, i paradossi; è l’impossibile che però viene studiato e trova una rappresentazione poetica, grafica o in equazioni.

In questo post vorrei parlare dell’artista olandese Maurits Cornelis Escher.

mce_signing_spirals_0
M.C. Escher signing and dedicating his color woodcut “Spirals” to his biographer, Bruno Ernst. Photograph by Hans deRijk.

La “spinta” per la stesura di questo pezzo mi arriva dall’ultima visita alle sue stampe, che ora si trovano esposte al Palazzo Reale di Milano, e alla scorperta del libro Lo specchio magico di M.C. Escher del matematico Bruno Ernst. Quest’ultima visita alla mostra, lo scorso venerdì sera, è avvenuta assieme ad altri miei compagni della facoltà di Fisica, all’interno di una iniziativa locale di Aisf (un po’ di pubblicità, per i giovani fisici di passaggio per questa pagina).

426203504_212469_4669966318782532619.jpg
“Foto di gruppo” a fine mostra!

Ma perchè degli studenti di fisica vanno a vedere Escher?

Le opere di Escher hanno sempre esercitato un’attrazione irresistibile nel mondo scientifico, in particolare tra matematici. Effettivamente, sono stati proprio i matematici a “scoprire” questo artista, e cogliere la vertigine nelle sue stampe. Ancora adesso Escher viene studiato: uno degli ultimi lavori è stato il completamento di una stampa non finita di Escher: Galleria di stampe.

LW410-MC-Escher-Print-Gallery-19561.jpg
Galleria di stampe. Litografia, 1956.

Dall’angolo in basso a destra entriamo in un porticato, dove sono esposte diverse stampe, tra cui Tre sfere. In basso a sinistra, un ragazzo sta osservando una di queste: è una veduta di Senglea, dell’isola di Malta. Il paesaggio ritratto si dilata, muovendosi verso destra, e scopriamo, in questo zoom, che vi è disegnata la stessa galleria di quadri di partenza. È un tentativo di Escher di realizzare una dilatazione ad anello (chiusa). L’immagine originale viene in questo caso ingrandita di un fattore 256, ovvero 2 elevato all’ottava potenza.

La risoluzione di questa trasformazione è stata effettuata nel 2003 dai matematici di Leida Hendrik Lenstra e Bart de Smit , che hanno applicato la matematica delle trasformazioni conformi del piano a quest’opera (le mappe conformi sono quelle che preservono gli angoli, dato un certo reticolato di partenza). Il loro progetto si può esplorare al link Escher and the Droste effect. Lenstra e Smit non si sono limitati a completare la trasformazione e a chiudere il quadro: in questo sito trovare le immagini realizzate con l’inserimento di differenti parametri, video, zoom, griglie, spiegazioni delle trasformazioni effettuate, link al paper pubblicato.

m_-1_1.jpg
H. Lenstra e B. Smit, Leida University, 2003.

Ne Lo specchio magico troviamo i reticoli e gli studi preparatori utilizzati da Escher, e bozzetti della galleria prima della dilatazione. Si scopre anche, leggendo, che lo stesso schizzzo dello scorcio di Senglea è stato utilizzato dieci anni prima per un’altra opera in cui viene studiata una dilatazione: Balcone. L’ingrandimento è in questo caso di quattro volte.

lw334-mc-escher-balcony-19451
Balcone, litografia, 1945.

Ma entriamo nel vero mistero di Escher, nelle sue opere più affascinanti.

Il disegno è illusione, perchè permette di rappresentare, su una superficie bidimensionale, più dimensioni di quelle reali. Rende visibili costruzioni architettoniche o oggetti matematici che sarebbero irrealizzabili nello spazio a tre dimensioni.

Realtà, disegno e riflesso si mischiano, e vengono rappresentati simultanei nello stesso istante e nello stesso luogo. Una traccia per queste costruzioni viene dall’ottica geometrica e dagli specchi.

LW327-MC-Escher-Reptiles-19431.jpg
Rettili. Litografia, 1943.
m_c_escher_selected_three worlds.jpg
Tre mondi. Litografia, 1955.
maurits-cornelis-escher-specchio-magico
Specchio magico. Litografia, 1947.
IMG_20161202_190852.jpg
Gioco con le installazioni della mostra. Gli specchi sferici concavi producono immagini reali a certe posizioni della mano rispetto al centro di curvatura, al fuoco e alla superficie riflettente. Posso girare attorno e passare attraverso l’immagine delle mie dita. 

Vengono rappresentati oggetti e mondi impossibili.

4fc3177062ac8162c38e07e6ba909243
Belvedere. Litografia, 1958. Cubo di Necker.

Sono composizioni magiche, soprannaturali. I due piani di Belvedere si dispongono perpendicolarmente l’uno all’altro. I due piani sono infatti sviluppati lungo due diversi assi principali, identificabili dalla posizione della dama (secondo piano) e del mercante (primo piano).  La combinazione dei due piani da vita all’architettura impossibile. Impossibile è anche il cubo che tiene in mano il ragazzo, oggetto conosciuto come Cubo di Necker.

Nella realtà esso è realizzabile solo attraverso un gioco prospettico:

IMG_20161202_185853.jpg
Cubo di Necker. Mostra.
IMG_20161202_185909.jpg
Come è realmente costruito.

Il “triangolo” (o la “tribarra”) del fisico di Roger Penrose fu l’occasione per la litografia Cascata. I tre angoli retti sono legati tra loro in modo irrealizzabile nello spazio (la somma degli angoli è di 270°). Si tratta di collegamenti impossibili.

triangolo-di-penrose-illusione-impossibile-escher.png
Triangolo di Penrose.
cascata
Cascata. Litografia, 1961.

In Salita e discesa vi è ancora questo strano concetto di infinito: eterne salite (o discese) senza soluzione di continuità.

escher-ascending-and-descending
Salita e discesa. Litografia, 1960.
img_20161207_173842
Come disegnare una scala infinita. Tratto da “Lo specchio Magico di M.C. Escher” di Bruno Ernst.

Escher è profondamente attratto dai cristalli. Come racconta Ernst, parlando di cristalli il suo amico Escher diventa “lirico”… prende un cristallo dalla sua collezione, lo appoggia nel palmo della mano, lo osserva. I cristalli hanno milioni di anni, sono antecedenti alla comparsa dell’uomo sulla Terra.

escher_stelle
Stelle. Silografia, 1948.
lh3z5uh
Escher con modelli di solidi platonici.
planetoide.jpg
Planetoide tetraedico. Silografia, 1954.

La topologia: strisce di Moebius e nodi…

Maurits-Cornelis-Escher-Nastro-di-Möbius-II-Formiche-rosse-febbraio-19663-xilografia-in-colori-rosso-nero-e-verde-grigio-stampata-da-tre-blocchi-453x205-mm.jpg
Striscia di Moebius II. Silografia, 1963.
Maurits+Cornelis+Escher+-+Knots+.JPG
Nodi. Silografia, 1965.

E poi ancora: l’infinito, le spirali, la suddivisione regolare del piano, gli scorci paesaggistici e architettonici.

Il fatto, che sembra quasi miracoloso, è che M.C. Escher non era uno scienziato: non era né un matematico, né un cristallografo. Era un disegnatore, ma con una mente attenta, inquieta ma precisa, che è riuscito ad affacciarsi ad altri mondi.

Alcune aggiunte alla pagina Disegni

Update: December 4

Ho aggiunto alcuni schizzi alla galleria che trovate nella pagina Disegni | Drawings. In particolare ho aggiunto la sezione Disegni dal vero.

img_20161204_122809
Sketch. December 2016. Model: me.
img_20161203_150246
Quick sketch. December 2016. Model: me.
img_20161203_163450
December 2016.

Un’altra novità è che sto iniziando a sperimentale una matita di pura grafite. Ho realizzato con questa i tre ultimi disegni. Ancora devo imparare ad utilizzarla bene!

img_20161203_173616

Solaris

Brevi pensieri

È impareggiabile il piacere di leggere un buon libro. In questo caso, un libro di ottima fantascienza.

Ho letto Solaris di Stanislaw Lem tutto d’un fiato, intensamente, in pochi giorni… E so che dovrò riprenderlo, perché questa storia è profonda, e sento che ci sono diversi livelli ancora da comprendere. Sicuramente è un libro che non ti lascia immutato mentre ti ci avventuri attraverso: ti lascia un calco, un’impronta.

Ho anticipato la lettura di questo romanzo grazie al consiglio di una lettrice: lo stavo rimandando scoraggiata dalla versione cinematografica del 2002, che non mi era piaciuta per nulla. Ma questa storia non ha nulla a che vedere con quella del film.

Questa romanzo mi capita tra le mani, inoltre, esattamente nel momento giusto: la sua lettura è cominciata parallelamente ad un progetto di scrittura -di cui non parlerò qui- legato al subconscio e ai sogni. Alle volte tra le pagine di Lem trovavo spiragli e amplificazioni estremamente inquietanti.

Solaris è la storia dell’Uomo che cerca di comprendere un oceano alieno che ricopre un intero pianeta. Ma quell’abisso terribile, inaccessibile, quel moto ondoso inquietante, è uno specchio oscuro e vertiginoso. I suoi meandri sono vasti e vari come la coscienza. È ciò che si materializza quando la coscienza cede all’inconscio e alle realtà più sepolte e rinnegate.

ocean_by_alexandreev-dajz53u.jpg
Ocean by Alex Andeev on DeviantArt
the_old_mimoid_by_alexandreev-dalggrp.jpg
The Old Mimoid by Alex Andrrev on DeviantArt
Symétriade by D. Signoret

Aprendo gli occhi, chi o.. cosa potresti vedere, seduto in controluce davanti alla finestra, oltre la quale il sole rosso di Solaris infuoca di riflessi magenta quell’oceano senza confini che non sembra muoversi come una massa d’acqua, ma come un mastodontico animale fatto di muscoli?
É magistrale in modo in cui Lem crea e sviluppa la storia e i tre scienziati che ne sono protagonisti, nonché il modo in cui riesce a trattare le descrizioni del pianeta  e dell’oceano. La storia umana dello studio di Solaris è raccontato, inoltre, con enorme plausibilità.

È un vero piacere lasciarsi immergere nell’ambiente della stazione, sentire tutto il turbamento, l’inquietudine senza nome, cercare di rispondere alle domande che vengono poste tra le righe. È un vero piacere trovare un libro così tanto più ampio della somma delle sue pagine stampate.

Il riverbero della luce sulle onde di Solaris è ancora impresso nella retina.

IMG_20161127_194811.jpg

Grazie Liv!