Una confessione, parziale. Alda Merini.

Ripesco a piene mani dalle nebbie della mia adolescenza. In effetti, più cerco di mettere a fuoco la me di allora, più mi sento smarrita. Quello è il mio volto? Sono davvero cambiata nel modo in cui ho sperato?

Cerco e ritrovo una poetessa, Alda Merini. In questi giorni ho riletto alcune pagine di L’altra Verità – Diario di una diversa. 

Nel gennaio del 2011 sono andata a vedere una mostra dedicata a lei al Palazzo Reale di Milano: Ultimo Atto d’Amore. Era uno mostra prettamente visiva, tesa e delicata, piena di stralci di discorsi e di poesie, immagini, ricostruzioni, voci. Io già amavo Alda Merini… aveva scosso tempo addietro il mio essere di ragazzina, e forse il fatto che fossi sola in quel momento, e che non ci fosse quasi nessun altro visitatore, forse il buio delle sale e i suoni di sottofondo, il tutto mi aveva dato l’impressione di camminare attraverso un tempio.

Le immagini che seguono sono alcune delle fotografie che ho scattato alla mostra.

P1060121
Vedessi il volto della mia anima quando ti vedo e tremo e diventa foglia d’ascolto. Vedessi il dito del mio cuore che ti indica strade sconosciute. Vedessi il mio amore che è tenero figlio che cresce senza padre. 

P1060126

P1060129

P1060127

Una confessione, parziale. Più avanti, forse tra qualche mese, troverò una risposta e un modo per esprimerla a parole. La mia vita sta scorrendo molto veloce ora.
 

IMG_20160624_115735.jpg

Advertisements

Al mio Jorge Luis Borges

Un pezzo dedicato al mio scrittore preferito: Jorge Luis Borges. Chi ha già conosciuto e approfondito un poco la sua opera, non credo serva altro che il suo nome, che subito evoca immense biblioteche, reali o simboliche, immensi labirinti, fisici o concettuali, infiniti specchi, e infine sogni… sogni che sono anch’essi specchi e labirinti, dove ci si rincontra…

I racconti di Borges hanno una struttura… matematica. Che siano racconti simbolici, fantastici, polizieschi, storici – in tutte c’è un qualcosa di logico che – almeno nella mia opinione – fa ricordare i teoremi matematici.

E in effetti alle volte i suoi lavori vengono citati, magari in testi divulgativi. Questa “affinità” con la matematica nelle opere di Borges non è solo una mia impressione: il racconto Il giardino dei sentieri che si biforcano viene spesso usato nella divulgazione della fisica quantistica e anche  il mio professore di quantistica a lezione ha citato ad un certo punto questo racconto, senza specificarne il titolo e l’autore… per chi lo sa cogliere, come dire. Il giardino dei sentieri che si biforcano è forse il lavoro che più  si presta per incominciare a scoprire questo autore stano, ha una certa immediatezza ma è allo stesso tempo di un’architettura ricca e complessa, proprio borgesiana. Ma non fermatevi a questo, che il suo mondo è vasto e sorprendente.

Nostalgia-7

Questo fatto – quel “qualcosa” della logica e della matematica che si trova in lavori che effettivamente sono arte e poesia, è quasi miracoloso e credo sia in questo che risieda l’immensità di Borges, in questo e soprattutto nell’uso degli archetipi che sono in qualche modo comuni agli esseri umani. Quando leggo Borges è come se… aumentassi il numero di dimensioni: le dimensioni spaziali, il tempo reale, il tempo “mitico” e ancestrale dell’umanità, la dimensione onirica, il subconscio… Ti porta in ogni epoca e tempo, ma sono luoghi e situazioni lucide e brillanti, e allo stesso tempo profondamente misteriose, oniriche, eterne.

Ci sono tigri descritte con seducente maestria (davvero, le tigri sembrano uscire da sole dalla sua penna, in ogni momento, un’ossessione che si materializza), e dolci scorci della sua Buenos Aires nelle sue poesie. C’è un amore infinito per la letteratura e la cultura, il suo “feticismo per la carta stampata”, le sue biblioteche, l’Oriente e l’Occidente, e la cecità…

NextFest_01.003

Mi sono imbattuta (per la seconda volta) in Borges alle superiori, durante le ricerche per la tesina di maturità – una tesina molto ingenua sullo spazio e sul tempo, ma piena di stupore (uno stupore che ancora ricordo, perchè mi aveva trafitto come un fulmine, per avere appena scoperto la relatività di Einstein attraverso gli ultimi capitoli del libro di fisica e i libri divulgativi di Stephen Hawking). Stavo organizzando un percorso concettuale che collegasse filosofi, scienziati e artisti. Andai prima attraverso Calvino e raggiunsi il libro Finzioni di Borges.

IMG_20160602_144555
La mia piccola collezione di opere di Borges.

La primissima volta in cui ho incontrato Borges invece è stato da bambina a casa di mia nonna, nella vecchia stanza di mia zia. Tra i suoi libri, c’era una copia piccola, gialla e resa fragilissima dal tempo… dell’Aleph.  L’estratto sul retro mi turbò un pochino. Credo sia una copia incredibilmente rara ora. Feltrinelli Universale Economica, 1961, 300 lire, copertina disegnata da Heiri Steiner. Era una lettura troppo complicata allora. L’ho letto solo successivamente. Lo tengo assieme con del nastro adesivo di carta.

IMG_20160602_160535
L’Alpeh, Feltrinelli Universale Economica, 1961, appartenente originariamente a mia zia ragazza.

E poi Borges è stato Borges. E lo difendo con unghie e denti.